Cocktail marketing

Estate…tempo di cocktail! Quale migliore occasione per fare un po’ di branding? Come? Con una stampante 3D.


Ricordate le strane forme del ghiaccio realizzate con la sofisticata ingegneria di vaschette riempite d’acqua e messe in congelatore? O quando vi servivano cappuccini con opere d’arte create dai sapienti gesti del barista con il bricco del latte? O, ancora, i bicchieri di platica spessi un centimetro con loghi che ognuno di noi, almeno una volta, ha preso e portato a casa in adolescenza? Bè, è preistoria.


L’ambito del beverage, uno dei più corteggiati dai brand perché non c’è inaugurazione ed evento che si rispetti senza rinfresco, oggi ha un nuovo strumento: una stampante 3D.

Negli ultimi anni abbiamo visto bracci robotizzati stampare qualsiasi cosa, impiegati in ogni settore per qualunque scopo. Tre anni fa, in un’università austriaca di arte e design, è nato Print a drink, la prima tecnologia di stampa 3D per liquidi potabili.

Questo barrobottender utilizza un ago di vetro per iniettare un liquido alimentare all'interno di una bevanda, creando complesse strutture in 3D personalizzate che galleggiano al suo interno.



Insomma, è finito il momento di brandizzare mascherine, ora si stampa il brand direttamente nel drink. Perché il target è composto da aziende, non da chi vuole fare una festa glamour in terrazzo. Si può affittare per una cifra che va dai 2.500 ai 5.000 dollari, a seconda dell'evento, ma non esiste una versione consumer per adesso. Il robot richiede infatti, oltre a una specifica configurazione per il suo funzionamento e precisi requisiti relativi alle bevande, un’adeguata formazione a meno che non si sia esperti in bracci meccanici.


Il team che l’ha creato l’ha definito augmented cocktail. Fa ricordare un po’ quando andava di moda vaporizzare i cocktail attraverso nebulizzatori - air drink - con buona pace degli astemi. Queste strutture però hanno sicuramente un migliore effetto Instagram, processo di stampa di un minuto compreso.

Peccato solo che in circa 10 minuti svaniscano e non si possano portare a casa da aggiungere al vecchio servizio di bicchieri in plastica con loghi vari.



#StefaniaNano

#marketing #beverage #stampa3D

 

VUOI APPROFONDIRE ARGOMENTI DI TUO INTERESSE?

iscriviti e leggi la nostra newsletter mensile

28 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti